Chiuse le iscrizioni al Marzola ’80 e al DonnaSprint: molte stelle, tutte lucenti

E’ all’insegna della qualità e della quantità al contempo, il DonnaSprint di quest’anno. Ovvero: tante atlete, e tutte forti. Un sabato pomeriggio trentino come altri si trasformerà in un evento atletico di caratura internazionale: le sfide sono italiane, europee, africane. A partire dai 5000m: ben sette atlete accreditate di un tempo sotto i 16′, in vetta alla graduatoria la tanzaniana Mrisho Zakia, ma tra le top fa capolino anche la mamma sarentinese Renate Rungger (15’32), stesso tempo per la keniota Jepchumba. (Foto Organizzatori Donna Sprint)


Nei 1500 m la situazione non è molto diversa: sei gazzelle corrono sotto i 4’15, tra di esse la nostra Berlanda, la Weissteiner, la nonesa Dal Rì, la Cusma e la Palmas. Se non fosse per la presenza dell’etiope Emebet Etea Bedada la gara si trasformerebbe in un campionato italiano, di quelli però in cui non si concedono gare tattiche e si cerca subito il tempo. Molte le regionali in gara. Attese Tomasini e Verdorfer nei 100m, Endrizzi nel giro di pista, quest’ultima in continua progressione. Altra gara da campionato italiano: i 400 hs, con Benedetta Ceccarelli, Virna De Angeli, Lara Rocco. Il triplo attirerà l’attenzione di tutti: in gara le rivali LaMantia e Martinez,  ma salta più di 14m anche la rumena Nicolau.

Ma gli uomini non ci stanno, a concedere tutta la scena. Basta vedere il palmares degli iscritti agli 800m, primo fra tutti il carabiniere altoatesino Obrist, 1’46”77 il suo tempo. Le ambizioni sono elevate, gli farà da lepre Markus Crepaz, dietro deve stringere i denti l’aquilotto Giordano Benedetti, campione italiano di categoria proprio sul doppio giro di pista. Nei 100m maschili c’è Riparelli (10”48), l’enfant du pais è in questo caso Davide Deimichei, atteso visti gli exploit targati 2006. Nei 400 hs la sfida è tra Crepaz e Bertolaso (51”25 contro 51”29), e anche nell’alto un regionale potrà dire la sua: è Silvano Chesani della Clarina, 2.16, che si vedrà in gara con l’azzurro Bettinelli.Nel giavellotto, uomini da over 70 (metri di lancio) sono Bettin e Valt, cercherà di avvicinarsi il più possibile a questa misura Norbert Bonvecchio della società organizzatrice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *