Il GPM2019 è di Tecuceanu e di Del Marco; che Mattuzzi nei 3000

Catalin Tecuceanu (Atletica SilCa Vittorio Veneto) e Laura De Marco (Fiamme Oro) sono i vincitori della 44ima edizione del Gran Premio Estivo del Mezzofondo. Una doppia firma veneta dunque sulla kermesse allestita dall’Atletica Trento che ieri ha visto completarsi il percorso 2019 con il terzo ed ultimo atto, pronto a richiamare sulla pista del Campo Scuola Covi Postal oltre 500 specialisti, complice anche l’inserimento degli 800 metri validi per il circuito NB Games riservato ad allievi e junior.

Sono stati invece i 3000 metri il piatto forte in tema GPM, distanza che ha permessa da una parte a Tecuceanu di concretizzare il successo nella classifica finale, operando il sorpasso ai danni di Brian Abakpereh (assente dopo essersi misurato sui 1500 e 800) per soli 8 punti, e dall’altra ha regalato una preziosa passerella alla roveretana Isabel Mattuzzi (Us Quercia Trentingrana), assoluta protagonista della prova femminile con un assolo durato 9’31″17 che non ha lasciato scampo alla concorrenza, planata sul traguardo oltre 30″ più tardi e regolata da Sharon Giannetta (Aristide Coin Venezia) su Alice Sganzerla (Expandia Atletica Insieme Verona).

Il risultato della Mattuzzi è stato comunque ininfluente per Laura De Marco che dopo le fatiche delle prime due serate ha potuto salire sul gradino più alto della permesse in forza dei 1760 punti, lasciandosi alle spalle la vicentina Gloria Tessaro (Atletica Vicentina, 1701) e la stessa Sganzerla (1683); prima trentina è risultata la rotaliana Alice Zenari (Gs Valsugana Trentino), quinta a quota 1688.

Vittoria che vale doppio invece per Tecuceanu che con il tempo di 8’31″14 ha tenuto a bada le velleità del rampante allievo Nicolò Bedini (Atletica San Biagio – a lui la vittoria di categoria) ed Enrico Vecchi (Atletica Rodengo Saiano Mico) per andare così a toccare quonta 1720 punti nella classifica generale e portarsi a casa il successo su Brian Abakpereh (Us Quercia Trentingrana, 1712) e Nicolò Olivo (Expandia Atletica Insieme Verona, 1688): da segnalare nei 3000 metri l’ottimo decimo posto dell’aquilotto Davide Raineri (8’47″90), in costante progresso e ottavo nella classifica generale maschile; in chiave trentina invece settimo il pinetano Marco Anesi (Us Quercia Trentingrana, 8’42″30).

Classifiche cortissime, così come quelle delle categorie giovanili, con Riccardo Martellato (Fiamme Oro) ed Alice Bagarello (Fiamme Oro)  a primeggiare tra gli junior mentre tra gli allievi ad imporsi sono stati il già citato Bedini e l’ex aquilotta Luna Giovanetti (Atletica Valle di Cembra), prima firma tra le under 18.

Scendendo ulteriormente di età, Sofia Tonon (Silca Vittorio Veneto) e Giovanni Lazzaro (Atletica Quintino Mastella) hanno fatto loro il titolo cadetti, imitati tra i ragazzi da Davide Barbone (Fiamme Gialle Simoni) e da Giada Donati (Atletica Edera Forlì) con diverse presenze sul podio di giovani trentini.

Spostando l’attenzione sugli 800 metri degli NB Games, oltre alla massiccia partecipazione, vanno segnalati i successi di Abel Campeol (Silca Vittorio Veneto) in 1’54″92 e di Elisa Giuseppetti (Atletica Ad Maiora Frascati) in 2’13″39.

Va così in archivio l’edizione 2019 del GPM, un altro successo organizzativo che ha coinvolto quasi 1500 atleti gara nel corso delle tre serate, autentico punto di riferimento per gli specialisti delle medie distanze nel mese di luglio. Un trionfo che si rinnova da oltre quattro decenni e che rappresenta, di anno in anno, una continua vittoria per l’Atletica Trento. Arrivederci al 2020!

 

GPM 2019 – Le classifiche finali

 

GPM 2019 – I risultati della terza serata

 

GPM 2019 – Il racconto della seconda serata – LE FOTO di Nicola Vernesoni

 

GPM 2019 – Il racconto della prima serata – LE FOTO di Nicola Vernesoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *