GPM secondo marted: anche triplo e disco, La Mantia tra i big

Ci siamo, mancano poco più di 24 h. A cosa? Al secondo martedì del mezzofondo. O meglio: del mezzofondo, del triplo e del disco. Leggi tutta la news per scoprire orari, trofei in palio, classifiche provvisorie. E presenze illustri: pare, Simona La Mantia. (Foto Zenatti).

Prima, i dettagli tecnici: gli orari sono confermati (vedi pagina speciale GPM), ma con due aggiunte: alle ore 17.00 avrà luogo il disco maschile, alle 18.30 prenderà ilv ia la gara di triplo femminile.

Ebbene sì, oltre a correre si salta e si lancia: Mariagrazia Bertoldo ha deciso di dare spazio alle richieste provenienti da vari settori per l’inserimento di due gare valide per i CDS. E nel triplo femminile si annuncia la partecipazione di Simona La Mantia, triplista sicula ma di origini altoatesine (è figlia della forte mezzofondista brunicense Mutschlechner), seconda in graduatoria dietro alla cubana naturalizzata italiana Martinez. E negli 800m si vocifera una spedizione capeggiata dal tecnico Polizzi, nomi ancora da svelare. Ma già nel primo martedì i nomi illustri non erano mancati: Justus Kiprono e Eleonora Berlanda guidano la classifica del GPM con oltre 1000 punti tabellari. I punti sono calcolati in base alle tabelle Fidal e la loro somma nelle tre giornate determinerà la classifica complessiva. Per ora sono saldamente al comando il keniano e la bionda scheggia trentina. Kiprono ha corso un solitario 8′44 sulle siepi, la Berlanda ha chiuso da sola i 1500m in 4′18, un tempo per lei ormai discreto (corre solitamente sotto i 4′10) ma comunque indicativo considerando le difficoltà di correre senza lepre nelle gare di mezzofondo. La veneta Zanatta, minuta ma muscolare tigre del tartan, sfiora i 900 punti, al quarto posto è la prima regionale, la Chiusole, ottimo il suo 4′35, sesta è la figlia di Gabriella Dorio , Anna Spigarolo, 865 punti per l’atleta dell’Esercito, seguono al settimo, nono e decimo posto le regionali Tava, Bottura, Ferretti. Tra gli uomini, totalizza 866 punti ed è secondo Gabriele Fantasia (9′23 sulle sipei), segue il 1500ista Zanatta (vincitore con 3′55), primo regionale Lanziner, sesto con il suo egregio 3′58.

Tra le allieve, al comando Chiara Renso della Polisportiva Dueville (4′46, 806 punti), bene tra le junior Giovanna Epis (4′38). Michael Solderer del LC Bozen taglia il traguardo in 4′06, buono anche il 4′10 di Stephan Premstaller(terzo), figlio di Manfred (vedi classifica veterani!) e a ruota Rampelotto (4′12), entrambi targati SV Sterzing, alias quell’importante realtà vipitenese leader del mezzofondo altoatesino-la squadra che ha sfornato i Weissteiner, Obrist, Lahner e Ploner, per intenderci.

Tra gli junior è in testa con oltre 800 punti Luca Molfetta dell’Atl. Caprioli San Vito, terzo è Stefano Grimaz, l’aquilotto che a soli sei secondi dal secondo posto di Rizzotti conta di attaccare l’argento negli 800m di martedì.

Da segnalare indubbiamente la gazzella Ilaria Carradore, categoria ragazze, 1′41′’ sparati sui 600m, in testa alla classifica, ma corrono bene anche la seconda, Bottega, e la terza, Foscaro. Al limite dei 1000 punti Beatrice Mazzer, regina tra le cadette (1′34)

Con le numerose gare della prima giornata del GPM si sono dati battaglia non solo gli atleti ma anche le società.Il premio in palio: i trofei che la somma dei punteggi delle tre giornate attribuisce alla miglior società nel settore giovanile, alla migliore nel settore assoluto e a quella che primeggia tra amatori e veterani.(Nella foto, una bella immagine dell’aquilotta Roberta Bottura e Sara Berti impegnate nei 1500m).

Nel settore giovanile, il Trofeo è offerto dalla Cassa Rurale di Trento, e per ora è saldamente in mano all’Atletica Mogliano, che totalizza 47 punti contro la seconda classificata, l’U.S. San Martino. Il Trofeo CMB va alla mglior squadra del settore assoluto: Fiamme Oro PAdova, con l’acuto dei fratelli Zanatta, 20 punti contro i 19 dell’Atl. Brescia e i 16 dell’Atletica Val di Non e Sole. ISubito dietro l’’SVSterzing, la squadra guidata da Grassi e nota per la sua stella Silvia Weissteiner, quinta a pari merito con l’Assindustria Padova è la Quercia. I risultati sono dunque tutt’altro che definitivi.

Settore amatori/veterani: le società si contendono il Trofeo Fratelli Benedetti, la Quercia è al comando davanti alla Trilacum, 29 contro 26.

Premiate saranno anche la seconda e la terza classificata.

I tre trofei, offerti da altrettanti sponsor della società organizzatrice, testimoniano l’impegno e la presenza degli sponsor stessi, in una manifestazione che per la caratura interregionale e la partecipazione per certi versi internazionale offre grande visibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *