Atletica Trento CMB, una festa per tutti

E’ stata per tutti, ma proprio tutti la festa dell’Atletica Trento CMB che ha avuto luogo sabato 13 dicembre. Atleti, tecnici, dirigenti, gestori campo, tecnici esterni, Progetto elementari. Molte le autorita presenti: il presidente di squadra Carlo Segatta, il vicepresidente Armando Gramegna, il presidente della Fidal provinciale Giorgio Malfer, il presidente del Coni provinciale Giorgio Torggler e il consigliere della Cassa rurale, nostro sponsor, Rossana Gramegna. Fax e mail di auguri e apprezzamento per l’attività svolta sono giunti da numerose personalità eminenti della politica ( e non solo) trentina.

 

 

L’atleta dell’anno: Francesca Iachemet. L’esile ragazza cembrana ha meritato l’inaspettata nomina per gli ottimi risultati in corsa in montagna (bronzo alla staffetta degli Italiani con Lorenza Beatrici, sempre tra le prime dieci nelle gare individuali) e i risultati su pista e su strada, che tra una rampa e l’altra è riuscita sfoderare (10’07 sui 3000m, 1h21 sulla mezzamaratona). Per la sua costanza e il suo impegno ha meritato anche una dedica ad personam da parte dell’assessore Iva Berasi, sua ex-insegnante delle elementari, che, assente per impegni, ha voluti inviare i complimenti alla sua alunna.

 

Non solo corsa, ovviamente: atleta dell’anno senior il martellista Nicola Scarpetta, per il gentil sesso la figlia del suo allenatore: Elektra Bonvecchio, stakanovista del tartan e dei sentieri, un esempio di costanza per tutti. Tra gli juniores, premi per l’ottocentista Stefano Grimaz e la velocista Martina Tomasi; migliori allievi due siepisti: Bianca Piazzi e Andrea Debiasi. Alloro tra i cadetti per la graziosa Jessica Scarpelli, e il polivalente Andrea Sangalli. Miglior esordiente Luca Grimaz, miglior ragazzo Gianfranco Benedetti, entrambi fratelli d’arte (rispettivamente, di Stefano e Giordano).

 

Premiate naturalmente le maglie azzurre (Giordano Benedetti, Veronica Bonardi, Norbert Bonvecchio, Pio Malfatti), i titoli italiani (Giordano Benedetti, Norbert Bonvecchio, Franco Torresani, Roberta Bottura), premio a parte per la squadra femminile di corsa in montagna, scudetto tricolore nella combinata juniores-seniores femminile. Protagoniste dell’impresa: Francesca Iachemet, Lorenza Beatrici, Elektra Bonvecchio, Romana Verones, Elena Bassetti (figlia della precedente), Anna Filippi, e il coordinatore del gruppo, Adriano Rosa.

 

Premi poi per i mentori di cotanto talento: i tecnici Sergio Bonvecchio, Ugo Lucin, Gianni Benedetti, Aldo Righi, Franco Mariotti, Carlo Franceschini, Chiara Zanelli, Chiara Zanoncini, Federico Piccoli. Riconoscimento anche per tre tecnici esterni che pur non essendo aquilotti doc si sono contraddistinti per i risultati degli aquilotti che seguono. Ecco i nomi, con gli atleti seguiti tra parentesi: Stefano Bazzanella (Francesco Bazzanella), Giampaolo Franchi (Francesca Iachemet), Rolando Beatrici (Lorenza Beatrici).

 

Gloria infine per gli addetti di questo sito, Matteo Piazza, Elisabetta Tecchio e Elena Franchi, e per i gestori del campo, i pazienti Franco, Tiziana, Giorgio e.

 

Un riconosciemnto va all’astista Chiara Zanelli, che quest’anno ha siglato, il 12 luglio a Rovereto, il nuovo record regionale dell’asta, 3.75, che resisteva da ben tredici anni e portava il nome di Mariacarla Bresciani. Record provinciale per Giordano Benedetti, 1’50’71 sugli 800m.

 

Zanoner Rosalia ha colto a Regensburg il titolo europeo sulla mezzamaratona, mentre il titolo iridato di corsa in montagna tra gli MM 45 è andato a Don Franco Torresani. Argento per Antonio Molinari sempre ai Mondiali tra gli MM 40, e per Pio Malfatti sulla 100km su strada nella emdesima categoria.

 

La borsa di studio in onore di Massimo Eccher, valido ostacolista scomparso tragicamente in un incidente, è andata a Giovanni Angelini, diplomatosi nel 2007 al Liceo Scientifico Galilei. Il corrispondente Memorial, che ha avuto luogo al meeting Marzola ’80, è andato a Luca Bertolaso delle Fiamme Gialle, davanti a Markus Crepaz.

 

Spazio è stato dato anche ai progetti Nonsolosport e al Progetto per le elementari, presentati dallo speaker della serata, Ugo Lucin. Nond a ultimo è emerso il fondamentale contributo delle società satellite: U.S. 5stelle, U.S. Villazzano, G.S. Bondo e Atletica Val di Cembra, rappresentate dai rispettivi rèesidenti e dirigenti, un vero vivaio.

 

E poi numerosi scherzi e festeggiamenti a sorpresa: dedica, scritta e letta da Romana Verones, per Mariagrazia e Primo Gretter, 37 anni di matrimonio pochi giorni prima, sopresa anche per i neosposini Elena Franchi e Paolo Pedranz.

 

Ma protagonsita è vero è stata quel brusio di chiacchere che testimonia quanto bolle in pentola: chi si è incontrato alla festa ha parlato di atletica, di allenamenti, di gare, si è confrontato, ha dato e ricevuto suggerimenti, si è messo d’accordo per future proficue sinergie, ha trovato gruppi di allenamento e di gara a cui accodarsi, ha preso contatto con i tecnici, o semplicemente-e scusate se è poco- ha passato una piacevole serata tra gli amici di sempre, nel clima di una società che promuove un senso di appartenenza vitale per la coesione della stessa e si fa così luogo privilegiato per la socializzazione. Tra una fetta di crostata e una risata, alla prossima aquilotti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *