Meno otto ai Campionati Italiani Lunghe Distanze corsa in montagna

Meno otto giorni ai Campionati Italiani di Lunghe distanze di Corsa in Montagna (Martignano Tn-Civezzano, 21.09.2008). A preparativi ultimati, la macchina organizzativa è pronta ad accogliere gli atleti intenzionati a cimentarsi in 25 km di salite e discese. La gara sarà ufficialmente presentata alla conferenza stampa di giovedì 18 settembre alle ore 17.00 a Castel Telvana a Civezzano. Poche ore prima, alle ore 14.00, avrà luogo prima alla scuola elementare di Civezzano poi a quella di Seregnano l’incontro con i bambini, coinvolti in un progetto finalizzato alla promozione dello sport di montagna.

Che cos’è il Campionato Italiano di Lunghe distanze di Corsa in Montagna. L’Atletica Trento cmb si è incaricata per l’anno 2008 di organizzare questo campionato di nuova istituzione, in parte erede del Campionato di Gran Fondo; la kermesse rappresenta una novità nel calendario italiano della corsa in montagna: un tempo Campionato Italiano di Gran Fondo, poi per anni latitante nel calendario nazionale di corsa in montagna, è entrato da quest’anno ufficialmente tra le gare che assegnano titoli tricolori (la “versione” mondiale già esiste, quest’anno si è disputata il 26 aprile a Horton in Ribblesdale, in Inghilterra). Il 21 settembre costituirà l’ultimo appuntamento per i camosci, dopo la staffetta di Povo, e le tre prove individuali del Campionato Italiano individuale e a squadre (rispettivamente: a Domodossola in giugno la prima prova, ad Adrara San Martino in luglio la seconda, a Cedegolo [BS] la terza):  24,5 km nelle zone dell’Ecomuseo dell’Argentario, da Martignano (Trento) a Civezzano, salite e discese. A governare le redini dell’evento un duetto, Atl. Trento cmb+5 Stelle Seregnano, vale a dire la società sportiva di Civezzano affiliata al CSI (Centro Sportivo Italiano, ente promozionale, mentre l’Atl. Trento è affiliata alla Fidal) nata ai tempi di Scartezzini per valorizzare e intercettare campioni come Mariano Scartezzini e Antonio Molinari (www.5stelle.tk).  

Otto titoli italiani. 8 i titoli italiani da assegnare (promesse [under 23], senior, master 1, master 2, tutti sia maschili che femminili), da segnalare anche il montepremi, identico per gli uomini e per le donne per le prime venti posizioni, come a più riprese auspicato da Iva Berasi, assessore all’emigrazione, solidarietà internazionale, sport e pari opportunità della provincia di Trento.
La gara. Alle ore 9.15 partenza femminile, alle ore 9.30 partenza maschile. All’arrivo gli atleti saranno accolti dalla banda di Civezzano; agli Alpini l’organizzazione del rancio, mentre alle 13.30 don Franco Torresani terrà la Santa Messa. Il prete volante, reduce da un oro italiano master, uno europeo e un recente argento mondiale (sempre master) parteciperà anche alla gara.
Ecomuseo Argentario e sport. Una delle sinergie più efficaci nell’organizzazione dell’evento si è rivelata la collaborazione con l’Ecomuseo dell’Argentario, nel cui direttore, il campione della mountain bike Ivan Pintarelli, l’Atl. Trento cmb e il 5 Stelle Seregnano hanno trovato un partner sensibile a tematiche sportive, di cui l’Ecomuseo è peraltro protagonista anche in altre iniziative (tutte le info sull’Ecomuseo all’indirizzo www.ecoarge.net).
Atleti e canopi. E’ sulle antiche vie dei canopi, i minatori tedeschi che durante il Medioevo lavoravano nelle miniere, le canope appunto, che gli atleti si sfideranno a caccia di medaglie. Una sfida che rinnoverà un’epopea mineraria che nei secoli ha alimentato miti e leggende, dando vita alla figura del canopo richiamata nel logo della manifestazione. Sul sito si trova una ricca documentazione fotografica del tracciato gara realizzata da Bruno Oss Cazzador, responsabile percorso.
Perché proprio corsa in montagna. E’ fin dagli anni ’80 che la corsa in montagna è il fiore all’occhiello dell’Atletica Trento cmb: sono gli anni di Pio Tomaselli e Costantino Bertolla. Negli anni ‘90 Antonio Molinari colleziona vittorie su vittorie (è campione del mondo nel 1996); nel 1998don Franco Torresani viene convocato in azzurro per il Challenge Stellina. Come già nel 1990, ancora nel 1999 il Monte Bondone è sede di una prova del Campionato Italiano, nel 2003 il grande salto, l’organizzazione del Campionato Europeo; nell’Atletica Trento nel 2001 giunge anche un altro talento delle salite, il finanziere agordino Marco Gaiardo, campione europeo proprio sul Bondone.
Perché l’arrivo a Civezzano. Civezzano è da sempre fucina di talenti della corsa in montagna e non solo. Si pensi all’aquilotta Antonella Molinari, negli anni ‘80 e ‘90 stella dell’Atletica Trento cmb, allora Atletica Cavit Virtus Marzola, o a suo cugino Antonio Molinari, vincitore di 5 titoli tricolori individuali (1997, 1998, 1999, 2000, 2001; è argento nel 1996, bronzo nel 1995), 1 titolo nel Campionato Italiano Individuale Gran Fondo 1993 (è terzo nel 1994 e nel 1996), due nella combinata (1997, 1998). Molinari è anche campione europeo nel 1998, 1999, 2001 (argento nel 1995 e nel 1997, bronzo nel 2000), campione mondiale nel 1996 (argento nel 1994 e nel 1998), e nel suo palmarès vanta pure 4 vittorie al Challenge Stellina di Susa (TO) Incontro per Nazioni (1996, 1997, 1998, 1999), 12 ori a squadre in Coppa del Mondo, e 6 ori a squadre in Coppa Europa. Ha indossato 29 volte la maglia azzurra (più due volte ancora da junior) e vinto, a oggi, in 27 anni di corsa, 323 gare (sulle 694 disputate)-in 505 gare è stato sul podio. Ma a Civezzano l’atletica ebbe inizio anche prima, stimolata da un pistard: Mariano Scartezzini, specialista dei 3000m siepi, specialità in cui vinse due volte in Coppa Europa (nel 1978 e nel 1981) e fece segnare, al Golden Gala di Roma, il tempo di 8′12″5, allora record italiano.
Promozione dello sport. Non solo campioni, ma anche giovani: l’Atl. trento prosegue a Civezzano il progetto di promozione dell’atletica e della corsa in montagna presso i giovani. E così via di nuovo al progetto didattico, un’esperienza già vissuta con le scuole elementari di Povo e ora anche più articolata perché programmata con largo anticipo in collaborazione con l’assessore Nicoletta Donatoni, docente alle scuole primarie di Civezzano oltre che assessore del medesimo comune. Giovedì 18 settembre i ragazzi delle elementari incontreranno i campioni della disciplina (Antonio Molinari, Antonella Molinari, Rossella e Gemma Gaddo, Antonella Confortola), venerdì 20 settembre correranno la loro gara in montagna accompagnati da Antonio Molinari. E agli appuntamenti citati giungeranno preparati nell’ambito di un’unità di apprendimento messa a punto dai docenti delle scuole traendo ispirazione da un dossier didattico comprendente varie sezioni: la corsa in montagna come disciplina, l’Ecomuseo dell’Argentario, la corsa in montagna in regione, e via dicendo, con l’importante aggiunta di una sezione concepita appositamente per i più piccoli: “La corsa in montagna raccontata ai bambini”, “Cosa mi aspetto dalla gara di domani”, “Unisci i punti e traccia il percorso gara”.

Sport e media. Il Campionato italiano sarà presentato anche nella serata domenicale dedicata allo sport di TCA, che ospiterà la squadra di corsa in montagna dell’Atl. Trento cmb, e sulla medesima emittente martedì alle 20.10 (con replica alle 23.10), quando Antonio Molinari presenterà il percorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *